Il Decalogo di FridaysForFuture Varese

Parlando con coetanei mi sono reso conto che i temi ambientali sono ancora poco conosciuti. Tuttavia, ultimamente, grazie anche al movimento mondiale di FridaysForFuture, stanno avendo un grande eco mediatico. Chi ha voglia di migliorare le cose si chiede “posso fare qualcosa nel mio piccolo?”, la risposta che diamo noi di FFF è “sì! ognuno di noi può fare molto!”.

Da qui nasce l’idea di creare questo decalogo contenente 10 buone azioni che ciascuno di noi può seguire per ridurre la propria impronta ecologica e dare un segnale ai ‘policy makers’. I punti del decalogo sono molto densi di contenuti ma intendono essere di spunto per un approfondimento personale e per stimolare conversazioni e uno scambio di buone pratiche.

Daniele, FFF Varese

Qui i contatti di FFF Varese:

OGNI SCELTA PUÒ AIUTARE A COMBATTERE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

Facciamo tante scelte ogni giorno, ognuna di esse comporta più o meno emissioni di CO2. Prima di compiere una scelta, prendi un pò di tempo per pensare alle sue conseguenze in termini ambientali. Le scelte che costano di più (e.g. quale macchina compro? Dove vado in vacanza? Mettiamo al mondo un altro figlio?) sono quelle che possono avere anche il maggiore impatto. Lo sai che: Se non cambiamo rotta e le emissioni dei nostri discendenti equivarranno alle nostre, scegliere di non mettere al mondo un altro figlio significa evitare circa 1600 tonnellate di CO2.1,2

UN’ALIMENTAZIONE PIU’ SOSTENIBILE

Consumare alimenti di stagione, verificare la provenienza e preferire alimenti locali o prodotti in Italia. Limitare il consumo di carne specialmente bovina e suina. Lo sai che: Mangiando pasti vegetariani per 3 giorni a settimana potremmo liberare dalla produzione di mangimi un’estensione di terreno tale da riuscire a coprire l’intero fabbisogno energetico italiano solo con produzione di energia fotovaltaica.3,4,5

MOBILITA’ PIU’ SOSTENIBILE

Cercare quando possibile di muoversi a piedi, in bicicletta o con i mezzi pubblici. Evitare i viaggi aerei quando non sono strettamente necessari e sostituirli con viaggi in treno, autobus o auto condivise. Quando si usa l’automobile cercare di ottimizzare gli spostamenti riducendone il numero, praticando il car-pooling e adottando una guida dolce per evitare di disperdere energia in brusche accelerate e frenate. Lo sai che: Statisticamente in Europa, la possibilità di avere un incidente mortale è 12 volte più alta in macchina rispetto al treno o all’autobus.6

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è the-secret-life-of-walter-mitty-2013-movie-screenshot.jpg

BERE ACQUA DAL RUBINETTO O DALLE CASETTE DELL’ACQUA

Bere acqua dell’acquedotto significa emettere meno CO2 nell’atmosfera: l’acqua minerale venduta in bottiglia necessita energia nella produzione della plastica, nel trasporto dalla fonte al supermercato e infine nel riciclo della bottiglia. L’acqua dell’acquedotto di Varese è buona oltre che potabile. Sul sito web del gestore7 sono pubblicati i parametri di qualità organolettica divisi per Comune servito, confronta i valori del tuo Comune con quelli riportati sull’etichetta dell’acqua in bottiglia. Se preferisci l’acqua gassata sul sito ATS-Insubria trovi indicazione di tutte le casette dell’acqua distribuite sul territorio provinciale. Lo sai che: Smettere di bere acqua in bottiglia significa risparmiare ~€90 a persona all’anno8. Potrai iscriverti in palestra per compensare l’esercizio fisico perso non portando più in casa decine di litri d’acqua ogni settimana!

ENERGIA: PREFERIRE LE RINNOVABILI E RIDURRE GLI SPRECHI

Immagine correlata

Informarsi sulla provenienza dell’energia che si utilizza e preferire le fonti rinnovabili a quelle fossili. Per ridurre i consumi di energia qui di seguito alcuni consigli pratici: utilizzare lampadine a LED o ad alta efficienza, evitare di lasciare in stand-by gli apparecchi elettronici, staccare i trasformatori dalla presa elettrica quando non utilizzati, acquistare elettrodomestici in classe A e utilizzarli a pieno carico, ridurre l’uso di condizionatori e limitare il riscaldamento degli interni a massimo 20°C, approfittare degli sgravi fiscali presenti per la sostituzione di infissi e altre opere di efficientamento energetico degli edifici. Lo sai che: passare a energia elettrica 100% rinnovabile significa un incremento del costo medio di solo €0,33 a settimana. ⅓ di un caffè a settimana è un prezzo accettabile per aiutare a costruire un mondo più pulito e sostenibile?9

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO E RICICLO

Riutilizzare beni già acquistati, acquistare beni di seconda mano o con un’ottica di riduzione degli sprechi, evitare gli imballaggi. I rifiuti, se riciclati correttamente seguendo le indicazioni date dal gestore della raccolta differenziata, diventano una risorsa energetica e di materia prima tuttavia anche il riciclo ha un impatto ambientale notevole e per questo motivo è bene cercare di minimizzare il più possibile l’utilizzo di materiali monouso. Lo sai che: a Milano nel corso del 2018 grazie alla raccolta differenziata sono state risparmiate circa 350mila tonnellate di CO2, tre milioni di metri cubi di acqua e quasi due mila megawattora di energia elettrica. Lo stesso quantitativo consente un recupero equivalente di ri-prodotti di: 14 milioni di felpe, 114 milioni di nuove bottiglie, tre milioni di chiavi inglesi, 419 milioni di scatole per scarpe, 224 mila panchine, 123 mila armadi e 209 mila caffettiere moka.10

SCEGLIERE L’ECONOMIA GREEN

Disinvestire i propri risparmi o fondi pensionistici da aziende legate ai combustibili fossili a favore di società che investono nel rinnovabile. Lo sai che: investire nell’economia green non significa solo prendersi cura della propria salute ma è anche un buon investimento economico! Alla fine del 2016, il mercato degli investimenti finanziari green valeva 81 miliardi di dollari.11 Le maggiori banche di sviluppo stanno investendo nella finanza green, rendendosi conto del potenziale e dell’urgenza di sostenere progetti che possano combattere il cambiamento climatico.

PARLARE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI E DELLE PROBLEMATICHE AMBIENTALI

Informarsi ed informare è il miglior modo per aumentare la consapevolezza e la conoscenza di buone pratiche che fanno bene all’ambiente, a noi e anche al nostro portafoglio. Lo sai che: Secondo il Global Risks Report 2019 del World Economic Forum, il fallimento delle politiche contro il cambiamento climatico e gli eventi estremi ad esso correlato rappresentano la seconda e terza minaccia globale, dopo le armi di distruzione di massa.13 Purtroppo in italia solo il 33% lo ha indicato come uno dei 4 problemi globali prioritari.12

DARE UN SEGNALE ALLA POLITICA

Far capire alla classe politica che i temi ambientali sono una priorità. Le manifestazioni pubbliche e il voto sono i principali mezzi a disposizione dei cittadini per cambiare lo status quo. Lo sai che: Secondo l’OCSE, il governo italiano spende 14 miliardi di Euro all’anno in agevolazioni all’utilizzo di fonti fossili: ad esempio, il cherosene che alimenta gli aerei non è tassato e gli autotrasportatori ottengono un rimborso per le accise pagate sui carburanti.14

IMMERGERSI NEI LUOGHI NATURALI

Passare più tempo nella natura aiuta a comprendere le relazioni fra i sistemi naturali e il loro fondamentale ruolo di sostentamento per l’uomo. Conoscere la natura significa avere la consapevolezza del nostro impatto e di quanto l’uomo abbia alterato gli equilibri dell’intero globo al fine di sostenere un consumo eccessivo. Senza un cambio radicale, numerosi ecosistemi non saranno in grado di rigenerarsi e l’uomo non potrà più farvi affidamento. Preserviamo la bellezza della natura per noi e per le generazioni future. Lo sai che: Secondo gli studi una passeggiata nei boschi aumenta il linfocita NK (le cellule che combattono cellule tumorali e virus) nel tuo corpo.15Hai già preso le tue pillole di natura oggi?

SITOGRAFIA:

  1. Murtagh, 2008 https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0959378008001003
  2. EDGAR 2018 https://edgar.jrc.ec.europa.eu/overview.php?v=CO2andGHG1970-2016
  3. Global solar Atlas, https://globalsolaratlas.info/
  4. Greenpeace, feeding the problem: https://www.greenpeace.org/eu-unit/issues/nature-food/1803/feeding-problem-dangerous-intensification-animal-farming/
  5. ISPRA uso del suolo https://annuario.isprambiente.it/ada/basic/7037
  6. Transport Safety in the EU, https://etsc.eu/transport-safety-performance-in-the-eu-a-statistical-overview/
  7. ASPEM http://www.aspem.it/asp/cms/aspem/attivita/acqua/qualita/
  8. The Eatwell Guide: https://www.nhs.uk/live-well/eat-well/the-eatwell-guide/
  9. Schede di confronto tra diversi fornitori di energia
  10. Contatore ambientale Milano, https://www.comune.milano.it/-/ambiente.-i-primi-risultati-del-contatore-ambientale.
  11. Green Bonds Highlights 2016, https://www.climatebonds.net/files/files/2016%20GB%20Market%20Roundup.pdf
  12. Special Eurobarometer 459 2017 https://ec.europa.eu/clima/sites/clima/files/support/docs/report_2017_en.pdf
  13. Global Risks Report 2018 https://www.weforum.org/reports/the-global-risks-report-2018
  14. Fossil Fuel Support – ITA https://stats.oecd.org/Index.aspx?DataSetCode=FFS_ITA
  15. Li 2008 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18336737/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...